Skip to main content
 

Loyalty Back to School: i Top Trend per pianificare al meglio l’ultimo trimestre 2022

Loyalty Program 2022/2023: 10 novità sui programmi fedeltà per non farsi trovare preparati dal nuovo anno.

Loyalty Trend: cosa è successo ai programmi fedeltà dopo la pandemia?

Quest’anno, non è ancora terminato, ma possiamo già affermare con certezza che nell’ambito della Loyalty i cambiamenti non sono mancati. Accantonata almeno in parte la leva dello sconto, che aveva caratterizzato la fidelizzazione del 2021, infatti, i brand hanno puntato tutto sulla personalizzazione, come strategia per destare l’interesse del consumatore e farlo sentire importante. 

Il risultato è che adesso i clienti, consci della possibilità di avere un’esperienza su misura, si aspettano che i Brand offrano sempre di più questo servizio, attraverso premi esperienziali e promozioni pensate appositamente per loro.
Il semplice sconto è diventato banale: siamo nell’era dell’iper-personalizzazione e dell’emozionalità, ma non solo! 

Il 2022: tra rinascita e scenari complessi, non solo in campo Loyalty 

Il 2022 è stato un anno importante denso di avvenimenti, dalla guerra in Ucraina e la conseguente inflazione, le stringenti leggi sulla Privacy e il conseguente addio ai cookie di terze parti di Google, stanno costringendo le aziende a rivalutare le proprie strategie di comunicazione e di Engagement, puntando sempre di più sulla Customer Loyalty non solo per fidelizzare i propri clienti, ma per rendere loro un servizio migliore offrendo prodotti sempre più in linea con le nuove esigenze. 

Top Trend Loyalty 2022, che strizzano l’occhio al 2023 

Per capire cosa succederà nel 2023, analizziamo nel dettaglio la Top Ten dei Trend Loyalty del 2022.

1. Loyalty = 100% strumento di marketing

Il 53.6% delle aziende intervistate è intenzionato ad attivare un Loyalty Program, per due motivi:
– Far fronte alla necessità di raccogliere i dati sugli utenti, in assenza dei Cookie di terze parti;
Incrementare l’Engagement dei consumatori, creando un’interazione costante con loro;
La Loyalty, quindi, diventerà sempre più il cuore pulsante delle strategie di marketing del Brand.

2. Non di soli acquisti vive la Loyalty…

É necessario guidare i consumatori verso un utilizzo attivo del Loyalty Program.
Perciò il 77,3% degli intervistati intende premiare il comportamento dei consumatori al di fuori del ciclo d’acquisto, creando esperienze omnichannel sempre più integrate tra loro che partono dal coinvolgimento del customer care e arrivano fino alla creazione di NFT personalizzati, passando per la Gamification. Il mondo fisico e quello virtuale saranno sempre più due parti di un’unica realtà in cui è immerso l’utente non solo durante il processo d’acquisto, ma soprattutto prima e dopo.

3. L’unione fa la forza: le partnership

Negli ultimi due anni il Marketing basato sulla collaborazione tra brand per la creazione di prodotti esclusivi si è rivelato particolarmente efficace. Si tratta di una logica facilmente applicabile al mondo dei Loyalty Program nell’ottica di offrire reward sempre migliori ai propri clienti aumentando la Brand Awareness e la visibilità di tutti i marchi coinvolti.

4. La fedeltà emotiva come leva di Engagement.

Mettere al centro il consumatore, entrare nella sua quotidianità e creare un legame emozionale con lui è diventato il principale obiettivo di ogni Brand. Per farlo le aziende puntano alla creazione di un Loyalty Program in grado di fornire esperienze totalmente personalizzate. Secondo la ricerca:
– il 40,5% vuole fornire premi personalizzati, in base ai gusti del target;
– il 65,2% di aziende che hanno già attivo un Loyalty Program, nei prossimi 3 mesi, incrementerà i premi esperienziali.

5. È il momento della sostenibilità.

Sempre più consumatori hanno capito che applicare politiche di sostenibilità ambientale e sociale è, ormai, un dovere morale di ogni brand e se ne ricordano nel momento in cui devono effettuare un acquisto. Si tratta di una fetta di mercato che arriva a toccare il 77% dei consumatori.
Un Loyalty Program efficace deve tenere conto di questo nuovo trend per rendere un doppio servizio: creare un legame duraturo e profondo e contribuire, seppur nel suo piccolo, alla salvaguardia del pianeta.

6. Tecnologia a servizio dei consumatori.

Aumenta il desiderio dei consumatori di usufruire di tecnologie sempre più innovative, che si tratti di assistenti virtuali, realtà aumentata o geolocalizzazione integrata, per un’esperienza sempre più su misura. In particolare, la geolocalizzazione permette di sfruttare al massimo le notifiche Push, per fornire al cliente un feedback istantaneo sulle offerte attive e sul punto vendita più vicino, in base alla sua posizione attuale.

7. Uno per tutti, tutto per uno.

Aumentano le comunità online tematizzate, che diventano un luogo in cui i clienti possono interagire tra loro, lasciare recensioni e feedback e accedere a contenuti esclusivi a loro dedicati.
Consentono agli utenti di incontrare altre persone con i loro stessi interessi, altrettanto fedeli e legate al marchio, rafforzando ulteriormente il loro legame emotivo con il marchio.
A tal proposito:
– Il 76% degli utenti online a livello globale, fa parte di almeno una community online,
– Il 59% delle aziende effettua ricerche di mercato attraverso le community online legate al proprio marchio.

8.Cliente chiama, l’A.I. risponde.

Proprio così: avere un servizio di customer care performante, crea un punto di riferimento per i clienti, che si sentono coccolati e al sicuro nel caso in cui riscontrassero problematiche legate a prodotti e servizi del brand.
Le aziende stanno implementando sempre di più questo servizio, grazie all’utilizzo dell’A.I. con chatbot attivi 24h su 24h.

9. L’area VIP: i Loyalty Program personalizzati end-to-end.

Fanno capolino sul mercato della fedeltà, si tratta di un’area extra all’interno dei programmi tradizionali, in cui i clienti scelgono di pagare una quota di iscrizione per accedere a vantaggi superiori e personalizzati. Avere un programma end-to-end significa creare un’esperienza VIP intorno al Loyalty Program classico, che trasforma l’utente in un vero Brand Lovers.

10. Gamificare l’esperienza d’acquisto.

La Gamification, già presente nei trend 2021, si riconferma una tendenza nel 2022 in forte crescita.
Ne abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo dedicato:
“La Gamification non è più un optional, ma un must-have: ecco perché”.
Ora, questa strategia fa un ulteriore passo in avanti: gamificare l’esperienza di acquisto.
Come? Ad esempio, creando delle offerte accessibili solo attraverso il superamento di livelli di gioco, per far vincere all’utente lo sconto immediatamente utilizzabile sul prossimo acquisto.

I dati parlano chiaro, avere un programma di Loyalty ben congeniato sarà fondamentale per affrontare il 2023. Noi di Next Solution siamo pronti e tu?

Sources:

Vuoi entrare nel cuore dei tuoi clienti?

Instaura un legame duraturo con il nostro approccio alla Customer Loyalty.

Scopri di più